Opinion

Un’altra puntata nella saga dei guai bancari italiani

Dopo una lunga amministrazione controllata, si è raggiunto il momento della risoluzione per quattro piccole banche (Banca Marche, Cassa di risparmio di Ferrara, Popolare Etruria e CariChieti), che in totale contano per circa l’1% dei depositi italiani.

By: and Date: December 11, 2015 Topic: Macroeconomic policy

econopolyThis op-ed was originally published in the Econopoly blog of Il Sole 24 Ore.

Ci risiamo, con le banche. Dopo una lunga amministrazione controllata, si è raggiunto il momento della risoluzione per quattro piccole banche (Banca Marche, Cassa di risparmio di Ferrara, Popolare Etruria e CariChieti), che in totale contano per circa l’1% dei depositi italiani. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, le conseguenze del piano di risoluzione sono tutt’altro che insignificanti.

All’operazione di ricapitalizzazione ha preso parte anche il fondo italiano di risoluzione, il cui contributo ammonta a circa 3,6 miliardi di euro. Tale strumento è finanziato dalle banche italiane (quindi non si qualifica come capitale pubblico, ndr) ma non ha a disposizione un ammontare definito, 3,6 miliardi appunto. I fondi sono stati perciò “anticipati” da tre grandi banche italiane (UniCredit, Intesa Sanpaolo, UBI). L’anticipo prede la forma di due linee di credito, una a lungo e una a breve termine, e alle altre banche italiane italiane potrebbe essere richiesto di anticipare il loro contributo al fondo di risoluzione fino a un massimo di tre annualità, quest’anno, per assicurare il rimborso della linea di credito a breve.

L’idea di usare anticipatamente tre anni o più di contributi al fondo di risoluzione per evitare un bail-in più estensivo in queste quattro banche è di per sé rischiosa, perché riduce lo spazio di manovra nel caso in cui qualche altro istituto debba avere problemi nei prossimi anni. Ma questo non è l’unico aspetto problematico dell’operazione.

Come noto, parte delle perdite è stata assorbita da azionisti e obbligazionisti subordinati. Questo contributo (“bail-in”) è previsto dal regime europeo sugli aiuti di Stato, ed è un passo obbligato nel nuovo regime di gestione delle crisi bancarie. Il Governo avrebbe considerato l’ipotesi di rimborsare un terzo dei risparmi persi dai piccoli obbligazionisti in quest’operazione. È presto per trarre conclusioni. Ma è lecito richiamare l’attenzione sul fatto che, al di là dell’emozione e della comprensione per coloro che hanno perso dei risparmi in questa operazione, non si tratta di una notizia positiva.

Il tentativo di trovare soluzioni “tortuose” ai problemi delle banche italiane non è una novità, ed è uno dei motivi per cui i problemi del nostro sistema bancario si sono trascinati fino ad oggi.

La liquidazione di Banca Romagna Cooperativa (BRC), avvenuta la scorsa estate, è, per dire, un esempio di soluzione “creativa” volta ad aggirare il vero nocciolo della questione. Dopo un “bail-in” iniziale – la prima volta in Italia – azionisti e obbligazionisti in BRC sono infatti stati rimborsati. Alla radice di questo approccio traspare la consapevolezza di un rischio (potenzialmente molto serio) radicato in profondità nel mondo del risparmio.

Il livello di conoscenza finanziaria nel nostro Paese è, infatti, molto basso: secondo un recente rapporto di Standard & Poors solo il 37% degli italiani si può considerare “finanziariamente alfabetizzato”, ed è una delle percentuali più basse in Europa. La probabilità che i piccoli risparmiatori non siano pienamente coscienti del rischio effettivo degli strumenti bancari che sottoscrivono è perciò molto elevata (come evidenziato anche dalla stessa Banca d’Italia). E il fatto che, in Italia, più del 40% delle obbligazioni detenute dai risparmiatori siano obbligazioni bancarie, espone al rischio di perdite anche significative, come si è visto nel caso più recente.

Il tentativo di preservare i risparmiatori che abbiano investito (non del tutto consapevolmente) in strumenti finanziari relativamente rischiosi può sembrare condivisibile. Ma purtroppo le cose non sono così semplici. Da gennaio del prossimo anno entrerà in vigore la Direttiva Europea sulla Risoluzione bancaria (EU Bank Recovery and Resolution Directive, o BRRD). Si tratta di un insieme di regole volte ad uniformare l’approccio alla risoluzione dei problemi bancari nei Paesi membri, e prevede una serie di importanti cambiamenti rispetto all’approccio prevalente in passato.

In particolare, nel caso in cui una banca si trovasse in futuro a corto di capitale, i creditori privati contribuiranno in misura significativa al salvataggio. La misura può apparire severa, ma in realtà è essenziale per rendere il sistema più solido. La crisi ha mostrato chiaramente che i salvataggi bancari, se finanziati interamente da fondi pubblici, possono essere molto costosi per i contribuenti e mettere in dubbio la sostenibiltà delle finanze dello Stato che se ne fa carico.

L’entrata in vigore della BRRD renderà molto difficile (se non impossibile) l’attuazione di schemi di risoluzione come quelli che abbiamo visto quest’anno, e ci pone quindi prepotentemente di fronte al nostro problema di fondo irrisolto. In un mondo in cui il “bail-in” richiesto in caso di crisi bancarie sarà molto più esteso, è fondamentale che i risparmiatori abbiano una piena consapevolezza del rischio effettivo di quanto sottoscrivono.

Possiamo continuare a nascondere il problema sotto il tappeto dei rimborsi ex-post, e creare l’aspettativa di una protezione fittizia che potrebbe non essere garantita in futuro. Oppure potremmo parlarne seriamente, e riconoscere che il pericolo maggiore non è tanto nel rischio stesso, bensì nell’inconsapevolezza del rischio.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint.

Due to copyright agreements we ask that you kindly email request to republish opinions that have appeared in print to [email protected].

Read article
 

External Publication

European governance

EU borrowing—time to think of the generation after next

Financing post-pandemic recovery via EU borrowing has proved remarkably straightforward. So why keep it temporary?

By: Grégory Claeys, Rebecca Christie and Pauline Weil Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: December 9, 2021
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

How to deal with small banks: consolidation, tailoring and the fintech challenge

Small banks face multiple challenges. What structural changes are needed to tackle these pressures?

Speakers: Alexander Lehmann, Nicolas Véron, Xavier Vives, Anne Fröhling and Philip Evans Topic: Banking and capital markets Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: December 9, 2021
Read article More on this topic More by this author
 

External Publication

Country case studies on resolving problem loans in Europe: Crises, policies and institutions

Contribution to 'Nonperforming Loans in Asia and Europe—Causes, Impacts, and Resolution Strategies' published by the Asia Development Bank.

By: Alexander Lehmann Topic: Banking and capital markets Date: December 3, 2021
Read article Download PDF
 

Policy Contribution

European governance

Next Generation EU borrowing: a first assessment

The Next Generation EU programme is radically changing the way the EU finances itself and interacts with financial markets. This paper assesses the first design decisions made by the European Commission and the issuances that have taken place so far. It also outlines the potential risks and opportunities linked to this upgrading of the EU borrowing.

By: Rebecca Christie, Grégory Claeys and Pauline Weil Topic: Banking and capital markets, European governance, Macroeconomic policy Date: November 10, 2021
Read article
 

External Publication

European Parliament

Don't let up - The EU needs to maintain high standards for its banking sector as the European economy emerges from the COVID-19 pandemic

In-depth analysis prepared for the European Parliament's Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON).

By: Rebecca Christie and Monika Grzegorczyk Topic: Banking and capital markets, European Parliament Date: October 21, 2021
Read article More on this topic More by this author
 

Blog Post

Better sustainability data is still needed to accelerate the low-carbon transition in capital markets

Investors need more trustworthy sustainability data. Regulators should leave space for better products to emerge, while remaining alert to well-known patterns of misconduct in capital markets.

By: Alexander Lehmann Topic: Banking and capital markets Date: October 18, 2021
Read article
 

External Publication

European Parliament

Tailoring prudential policy to bank size: the application of proportionality in the US and euro area

In-depth analysis prepared for the European Parliament's Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON).

By: Alexander Lehmann and Nicolas Véron Topic: Banking and capital markets, European Parliament, Macroeconomic policy Date: October 14, 2021
Read article More on this topic More by this author
 

External Publication

Brexit and European finance: Prolonged limbo

It will take longer than many had anticipated for the dust to settle on the post-Brexit financial landscape and its respective implications for the EU and the UK.

By: Nicolas Véron Topic: Banking and capital markets Date: September 24, 2021
Read about event
 

Past Event

Past Event

Financing for Pandemic Preparedness and Response

How can we better prepare for future pandemics? In this event, co-hosted by the Center for Global Development and Bruegel think tanks, speakers will present "A Global Deal for Our Pandemic Age", a report of the G20 High Level Independent Panel on Financing the Global Commons for Pandemic Preparedness and Response.

Speakers: Masood Ahmed, Victor J. Dzau, Amanda Glassman and Lawrence H. Summers Topic: Banking and capital markets, Global economy and trade Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: July 14, 2021
Read article More by this author
 

Blog Post

SPACs in the gap

Special-purpose acquisition vehicles could fill a gap in European equity markets and lure risk-averse investors off the sidelines.

By: Rebecca Christie Topic: Banking and capital markets, Macroeconomic policy Date: July 13, 2021
Read article More on this topic More by this author
 

Blog Post

The EU green bond standard: sensible implementation could define a new asset class

The proposed EU green bond standard will be less prone to ‘greenwashing’, and the widest possible set of issuers and jurisdictions should be encouraged to use the standard.

By: Alexander Lehmann Topic: Banking and capital markets Date: July 13, 2021
Read article More on this topic More by this author
 

Blog Post

Banks post-Brexit: regulatory divergence or parallel tracks?

Post-Brexit UK bank regulation is not likely to compromise on international standards, but will place greater emphasis on competition, making close UK-EU dialogue essential.

By: Alexander Lehmann Topic: Banking and capital markets Date: July 6, 2021
Load more posts