Blog Post

Gli aiuti Ue e il dilemma della legittimità democratica

L’entrata in vigore del Meccanismo europeo di stabilità (Esm) è un test. Ma è molto più di un test sul funzionamento di uno strumento tecnico. È un test sulla legittimità dell’Europa e delle ricette pensate in risposta alla crisi.  L’Esm è il nuovo strumento permanente di gestione e risoluzione delle crisi che l’Unione si è […]

By: Date: October 18, 2012 Topic: Macroeconomic policy

L’entrata in vigore del Meccanismo europeo di stabilità (Esm) è un test. Ma è molto più di un test sul funzionamento di uno strumento tecnico. È un test sulla legittimità dell’Europa e delle ricette pensate in risposta alla crisi. 

L’Esm è il nuovo strumento permanente di gestione e risoluzione delle crisi che l’Unione si è data. Ha una capacità di prestito simile al precedente Meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria, che era però uno strumento emergenziale. L’Esm può essere utilizzato sia per sostenere il settore pubblico sia per ricapitalizzare il sistema bancario. Invece, la ricapitalizzazione diretta delle banche, desiderabile perché evita allo Stato di mettere gli aiuti a bilancio, sarà possibile solo quando la supervisione bancaria sarà passata alla Bce.
I Paesi in difficoltà hanno ora due opzioni per chiedere aiuto all’Europa. La prima è una richiesta standard di assistenza finanziaria a fronte di un programma di aggiustamento per il quale lo Stato soccorso si impegna all’austerità ed ad una serie di riforme strutturali. In questo senso, nulla di nuovo. Dato che il capitale iniziale dell’Esm viene versato dai Paesi in tranches successive, la massima disponibilità di credito all’indomani dall’entrata in vigore è di circa 100 miliardi di euro. Questa andrà via via aumentando ad ogni quadrimestre fino ad un massimo di 500 miliardi di euro, somma che verrà raggiunta nella prima metà del 2014.

Non molto se si pensa che Spagna e Italia messe insieme avranno bisogno solo tra il 2012 e il 2014 di finanziare una mole di debito pari a circa 770 miliardi di euro. 
La seconda opzione è quella di servirsi del cappello dell’Esm per chiedere invece l’intervento straordinario della Bce attraverso il nuovo programma Omt (Outright Monetary Transactions) annunciato da Mario Draghi all’inizio di Settembre. Rispetto ad un uso tradizionale dell’Esm, l’assistenza finanziaria sarebbe in questo caso potenzialmente illimitata, con la Bce dichiaratasi pronta ad intervenire sul mercato secondario fin tanto che le tensioni persisteranno. Non è chiaro tuttavia quali criteri la Bce adotterà per stabilire se le tensioni persistono, né è chiaro il tenore delle richieste di riforma che saranno rivolte allo Stato assistito. 
Il tema della condizionalità all’interno dell’Omt è destinato a lasciare un segno sul dibattito politico dei prossimi mesi. Richieste eccessive da parte dall’Europa rischiano di aprire una crisi di legittimità in Europa in un momento in cui si intensificano ovunque le proteste dei cittadini ai tagli e all’impennata della pressione fiscale. D’altra parte una condizionalità troppo soft è vista dai Paesi creditori, Germania in primis, come un invito allo sperpero di risorse comuni.

C’è un po’ di imbarazzo oggi nelle relazioni tra debitori e creditori. La Spagna teme che una richiesta di aiuto si traduca nell’obbligo di sottoporsi ad un eccesso di austerità nel mezzo della recessione. Anche se si trovasse con l’Ue un accordo su un cammino di consolidamento fiscale più lento e graduale, la percezione internazionale e degli elettori sarebbe comunque di una perdita di sovranità nazionale, ipotesi sicuramente impopolare. La Germania, da parte sua, tentenna e spera che nessuno dei grandi Paesi faccia davvero richiesta di aiuto. Il governo tedesco è intrappolato tra l’esigenza di evitare che si pensi che gli aiuti si possono ottenere con facilità ed in assenza di condizioni specifiche e la consapevolezza che il modello di commissariamento dei Paesi assistiti utilizzato fino ad oggi è privo di una qualsiasi base di legittimità democratica. Il rischio che i prestiti dell’Esm e della Bce siano percepiti come un dovuto non per uno spregevole azzardo morale da parte dei Paesi indebitati, ma in nome della democrazia è oggi il problema principale che la Germania deve affrontare.

Già solo l’annuncio dell’Omt era servito a calmare i mercati, ma questo da solo non riuscirà certo a salvare l’Europa dalla crisi di legittimità democratica che si sta delineando e che aprirà un nuovo complicato capitolo sul futuro dell’Europa, forse sotto i riflettori già del prossimo Consiglio Europeo di oggi e domani.

A version of this article was also published on Il Sole 24 Ore


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint. Anyone is free to republish and/or quote this post without prior consent. Please provide a full reference, clearly stating Bruegel and the relevant author as the source, and include a prominent hyperlink to the original post.

Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

May
25
14:30

How can we support and restructure firms hit by the COVID-19 crisis?

What are the vulnerabilities and risks in the enterprise sector and how prepared are countries to handle a large-scale restructuring of businesses?

Speakers: Ceyla Pazarbasioglu and Guntram B. Wolff Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

May - Jun
31-1
10:30

MICROPROD Final Event

Final conference of the MICROPROD project

Speakers: Carlo Altomonte, Eric Bartelsman, Marta Bisztray, Italo Colantone, Maria Demertzis, Filippo di Mauro, Wolfhard Kaus, Steffen Müller, Gianluca Santoni, Verena Plümpe, Andrea Roventini, Valerie Smeets, Nicola Viegi, Markus Zimmermann and Javier Miranda Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read about event
 

Past Event

Past Event

[Cancelled] Shifting taxes in order to achieve green goals

[This event is cancelled until further notice] How could shifting the tax burden from labour to pollution and resources help the EU reach its climate goals?

Speakers: Niclas Poitiers and Femke Groothuis Topic: Green economy, Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: May 12, 2022
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

How are crises changing central bank doctrines?

How is monetary policy evolving in the face of recent crises? With central banks taking on new roles, how accountable are they to democratic institutions?

Speakers: Maria Demertzis, Benoît Coeuré, Pervenche Berès, Hans-Helmut Kotz and Athanasios Orphanides Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: May 11, 2022
Read article Download PDF More by this author
 

Book/Special report

European governanceInclusive growth

Bruegel annual report 2021

The Bruegel annual report provides a broad overview of the organisation's work in the previous year.

By: Bruegel Topic: Banking and capital markets, Digital economy and innovation, European governance, Global economy and trade, Green economy, Inclusive growth, Macroeconomic policy Date: May 6, 2022
Read article Download PDF
 

Policy Contribution

European governance

Fiscal support and monetary vigilance: economic policy implications of the Russia-Ukraine war for the European Union

Policymakers must think coherently about the joint implications of their actions, from sanctions on Russia to subsidies and transfers to their own citizens, and avoid taking measures that contradict each other. This is what we try to do in this Policy Contribution, focusing on the macroeconomic aspects of relevance for Europe.

By: Olivier Blanchard and Jean Pisani-Ferry Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: April 29, 2022
Read article Download PDF More on this topic
 

Working Paper

The low productivity of European firms: how can policies enhance the allocation of resources?

A summary of the most important policy lessons from research undertaken in the MICROPROD project work package 4, related to the allocation of the factors of production, with a special focus on the weak dynamism of European small and medium-sized enterprises (SMEs).

By: Grégory Claeys, Marie Le Mouel and Giovanni Sgaravatti Topic: Macroeconomic policy Date: April 25, 2022
Read article More on this topic
 

External Publication

What drives implementation of the European Union’s policy recommendations to its member countries?

Article published in the Journal of Economic Policy Reform.

By: Konstantinos Efstathiou and Guntram B. Wolff Topic: Macroeconomic policy Date: April 13, 2022
Read article Download PDF More on this topic More by this author
 

Working Paper

Measuring the intangible economy to address policy challenges

The purpose of the first work package of the MICROPROD project was to improve the firm-level data infrastructure, expand the measurement of intangible assets and enable cross-country analyses of these productivity trends.

By: Marie Le Mouel Topic: Macroeconomic policy Date: April 11, 2022
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

Macroeconomic and financial stability in changing times: conversation with Andrew Bailey

Guntram Wolff will be joined in conversation by Andrew Bailey, Governor of the Bank of England.

Speakers: Andrew Bailey and Guntram B. Wolff Topic: Macroeconomic policy Date: March 28, 2022
Read article
 

Opinion

European governance

How to reconcile increased green public investment needs with fiscal consolidation

The EU’s ambitious emissions reduction targets will require a major increase in green investments. This column considers options for increasing public green investment when major consolidations are needed after the fiscal support provided during the pandemic. The authors make the case for a green golden rule allowing green investment to be funded by deficits that would not count in the fiscal rules. Concerns about ‘greenwashing’ could be addressed through a narrow definition of green investments and strong institutional scrutiny, while countries with debt sustainability concerns could initially rely only on NGEU for their green investment.

By: Zsolt Darvas and Guntram B. Wolff Topic: European governance, Green economy, Macroeconomic policy Date: March 8, 2022
Read article More on this topic More by this author
 

Opinion

The week inflation became entrenched

The events that have unfolded since 24 February have solved one dispute: inflation is no longer temporary.

By: Maria Demertzis Topic: Macroeconomic policy Date: March 8, 2022
Load more posts