Blog Post

Gli aiuti Ue e il dilemma della legittimità democratica

L’entrata in vigore del Meccanismo europeo di stabilità (Esm) è un test. Ma è molto più di un test sul funzionamento di uno strumento tecnico. È un test sulla legittimità dell’Europa e delle ricette pensate in risposta alla crisi.  L’Esm è il nuovo strumento permanente di gestione e risoluzione delle crisi che l’Unione si è […]

By: Date: October 18, 2012 Topic: European Macroeconomics & Governance

L’entrata in vigore del Meccanismo europeo di stabilità (Esm) è un test. Ma è molto più di un test sul funzionamento di uno strumento tecnico. È un test sulla legittimità dell’Europa e delle ricette pensate in risposta alla crisi. 

L’Esm è il nuovo strumento permanente di gestione e risoluzione delle crisi che l’Unione si è data. Ha una capacità di prestito simile al precedente Meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria, che era però uno strumento emergenziale. L’Esm può essere utilizzato sia per sostenere il settore pubblico sia per ricapitalizzare il sistema bancario. Invece, la ricapitalizzazione diretta delle banche, desiderabile perché evita allo Stato di mettere gli aiuti a bilancio, sarà possibile solo quando la supervisione bancaria sarà passata alla Bce.
I Paesi in difficoltà hanno ora due opzioni per chiedere aiuto all’Europa. La prima è una richiesta standard di assistenza finanziaria a fronte di un programma di aggiustamento per il quale lo Stato soccorso si impegna all’austerità ed ad una serie di riforme strutturali. In questo senso, nulla di nuovo. Dato che il capitale iniziale dell’Esm viene versato dai Paesi in tranches successive, la massima disponibilità di credito all’indomani dall’entrata in vigore è di circa 100 miliardi di euro. Questa andrà via via aumentando ad ogni quadrimestre fino ad un massimo di 500 miliardi di euro, somma che verrà raggiunta nella prima metà del 2014.

Non molto se si pensa che Spagna e Italia messe insieme avranno bisogno solo tra il 2012 e il 2014 di finanziare una mole di debito pari a circa 770 miliardi di euro. 
La seconda opzione è quella di servirsi del cappello dell’Esm per chiedere invece l’intervento straordinario della Bce attraverso il nuovo programma Omt (Outright Monetary Transactions) annunciato da Mario Draghi all’inizio di Settembre. Rispetto ad un uso tradizionale dell’Esm, l’assistenza finanziaria sarebbe in questo caso potenzialmente illimitata, con la Bce dichiaratasi pronta ad intervenire sul mercato secondario fin tanto che le tensioni persisteranno. Non è chiaro tuttavia quali criteri la Bce adotterà per stabilire se le tensioni persistono, né è chiaro il tenore delle richieste di riforma che saranno rivolte allo Stato assistito. 
Il tema della condizionalità all’interno dell’Omt è destinato a lasciare un segno sul dibattito politico dei prossimi mesi. Richieste eccessive da parte dall’Europa rischiano di aprire una crisi di legittimità in Europa in un momento in cui si intensificano ovunque le proteste dei cittadini ai tagli e all’impennata della pressione fiscale. D’altra parte una condizionalità troppo soft è vista dai Paesi creditori, Germania in primis, come un invito allo sperpero di risorse comuni.

C’è un po’ di imbarazzo oggi nelle relazioni tra debitori e creditori. La Spagna teme che una richiesta di aiuto si traduca nell’obbligo di sottoporsi ad un eccesso di austerità nel mezzo della recessione. Anche se si trovasse con l’Ue un accordo su un cammino di consolidamento fiscale più lento e graduale, la percezione internazionale e degli elettori sarebbe comunque di una perdita di sovranità nazionale, ipotesi sicuramente impopolare. La Germania, da parte sua, tentenna e spera che nessuno dei grandi Paesi faccia davvero richiesta di aiuto. Il governo tedesco è intrappolato tra l’esigenza di evitare che si pensi che gli aiuti si possono ottenere con facilità ed in assenza di condizioni specifiche e la consapevolezza che il modello di commissariamento dei Paesi assistiti utilizzato fino ad oggi è privo di una qualsiasi base di legittimità democratica. Il rischio che i prestiti dell’Esm e della Bce siano percepiti come un dovuto non per uno spregevole azzardo morale da parte dei Paesi indebitati, ma in nome della democrazia è oggi il problema principale che la Germania deve affrontare.

Già solo l’annuncio dell’Omt era servito a calmare i mercati, ma questo da solo non riuscirà certo a salvare l’Europa dalla crisi di legittimità democratica che si sta delineando e che aprirà un nuovo complicato capitolo sul futuro dell’Europa, forse sotto i riflettori già del prossimo Consiglio Europeo di oggi e domani.

A version of this article was also published on Il Sole 24 Ore


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint. Anyone is free to republish and/or quote this post without prior consent. Please provide a full reference, clearly stating Bruegel and the relevant author as the source, and include a prominent hyperlink to the original post.

Read article
 

Blog Post

Will European Union recovery spending be enough to fill digital investment gaps?

The recovery facility will boost digital transformation, but questions remain whether it will be sufficient to achieve Europe’s digital ambitions.

By: Zsolt Darvas, J. Scott Marcus and Alkiviadis Tzaras Topic: European Macroeconomics & Governance, Innovation & Competition Policy Date: July 20, 2021
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
1
12:30

The EU recovery fund - state of play and outlook

Bruegel Annual Meetings, Day 1- In this session we will discuss the EU recovery fund, its state of play and outlook.

Speakers: Nadia Calviño, Karolina Ekholm and Guntram B. Wolff Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read article Download PDF
 

Policy Contribution

A new direction for the European Union’s half-hearted semiconductor strategy

The EU needs a more targeted strategy to increase its presence in this strategic and thriving sector, building on its existing strengths, while accommodating its relatively low domestic needs.

By: Niclas Poitiers and Pauline Weil Topic: European Macroeconomics & Governance, Innovation & Competition Policy Date: July 15, 2021
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
2
10:00

Conversation on the recovery programmes

Bruegel Annual Meetings, Day 2- In this session, we discuss the recovery programmes.

Speakers: Maria Demertzis, Mehreen Khan and Tadeusz Kościński Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read about event
 

Upcoming Event

Sep
2
13:00

European banks: under global competitive pressure?

Bruegel Annual Meetings, Day 2 - European banks have lost stature and remain generally low-profitability, low-valuation in comparison to their global peers. Is that a problem? If so, what can EU policymakers do to address it?

Speakers: José Antonio Álvarez Álvarez, Mairead McGuinness and Nicolas Véron Topic: European Macroeconomics & Governance, Finance & Financial Regulation Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
2
15:45

Blending physical and virtual: shaping the new workplace

Bruegel Annual Meetings, Day 2 - This panel will cover the changes the COVID-19 pandemic made to our workplaces, and what to expect in the near future.

Speakers: Nicholas Bloom, Michael Froman, Mario Mariniello, Sara Matthieu and Luca Visentini Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Academy Palace
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
3
09:00

The role of the EU's trade strategy for an inclusive and sustainable recovery

Bruegel Annual Meetings, Day 3 - We are delighted to welcome Valdis Dombrovskis, Executive Vice President of the European Commission for An Economy that Works for People to talk about Europe's trade strategy.

Speakers: Valdis Dombrovskis, Alicia García-Herrero and Guntram B. Wolff Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
3
10:15

Conference on the Future of Europe: envisioning EU citizens engagement

Bruegel Annual Meetings, Day 3 - Panellists will discuss different options and what they may entail while revisiting the debates on the future of Europe at national and EU-level that have been conducted thus far.

Speakers: Caroline de Gruyter, Kalypso Nicolaïdis, Niclas Poitiers and György Szapáry Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read article More by this author
 

Blog Post

Fit for 55 marks Europe’s climate moment of truth

With Fit for 55, Europe is the global first mover in turning a long-term net-zero goal into real-world policies, marking the entry of climate policy into the daily life of all citizens and businesses.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate, European Macroeconomics & Governance Date: July 14, 2021
Read article More on this topic
 

Blog Post

Fair vaccine access is a goal Europe cannot afford to miss – July update

European countries must do more to tackle the vaccine uptake gap. Vaccination data should be published at the maximum granularity level so researchers and local decision-makers can monitor progress.

By: Lionel Guetta-Jeanrenaud and Mario Mariniello Topic: European Macroeconomics & Governance Date: July 14, 2021
Read article More by this author
 

Blog Post

SPACs in the gap

Special-purpose acquisition vehicles could fill a gap in European equity markets and lure risk-averse investors off the sidelines.

By: Rebecca Christie Topic: European Macroeconomics & Governance, Finance & Financial Regulation Date: July 13, 2021
Read article More on this topic
 

Blog Post

A breakdown of EU countries’ post-pandemic green spending plans

An analysis of European Union countries’ recovery plans shows widely differing green spending priorities.

By: Klaas Lenaerts and Simone Tagliapietra Topic: European Macroeconomics & Governance Date: July 8, 2021
Load more posts