Blog Post

UE, con le nuove regole possibile un anno in più per sanare i deficit

Sembra esserci un generale consenso sul fatto che l’austerità abbia effetti recessivi, almeno nel breve termine. Lo ho ammesso lo stesso Monti spiegando come la scelta in favore del consolidamento sia stata tanto necessaria quanto dolorosa. Una buona parte dei politici europei invoca le regole fiscali europee per spiegare la necessità del rigore di fronte […]

By: Date: September 21, 2012 Topic: Macroeconomic policy

Sembra esserci un generale consenso sul fatto che l’austerità abbia effetti recessivi, almeno nel breve termine. Lo ho ammesso lo stesso Monti spiegando come la scelta in favore del consolidamento sia stata tanto necessaria quanto dolorosa.

Una buona parte dei politici europei invoca le regole fiscali europee per spiegare la necessità del rigore di fronte al proprio elettorato. L’Unione Europea ha per altro approvato un nuovo pacchetto legislativo che è in vigore dal dicembre 2011. Del rigore imposto dalle regole europee, specie quelle nuove, si parla molto; della loro flessibilità in circostanze eccezionali meno.

Il Patto di Stabilità è sempre stato esplicito sul fatto che la correzione di deficit eccessivi

dovesse avvenire in maniera più graduale in anni di recessione. Il richiamo alle cosiddette “circostanze eccezionali” può avvenire attraverso tre modalità principali. La Commissione e il Consiglio decidono di non aprire una procedura di deficit eccessivo. O aprono la procedura ma fissano un termine per la correzione del deficit relativamente lontano nel tempo. O, una volta che la procedura è già aperta, decidono di posticipare di un anno la correzione, cosa accaduta quest’estate per la Spagna.

Il nuovo pacchetto di regole approvato alla fine dello scorso anno è entrato in vigore in un momento poco opportuno perché la maggior parte dei paesi dell’euro zona era già sotto procedura ed obbligata a portare il deficit sotto il 3 percento del PIL entro il 2013.

Il momento in cui le nuove regole sono entrate in vigore è tale da determinare due non trascurabili conseguenze. Primo: c’è solo un modo per applicare la clausola delle “circostanze eccezionali”, quello di concedere un anno in più per la correzione del deficit. E le circostanze sono sicuramente eccezionali perché non solo molti paesi membri vedranno calare il PIL nel 2012 ma anche le condizioni generali dell’euro zona sono sfavorevoli.

Secondo: il nuovo pacchetto prevede che i paesi vengano sanzionati anche se mancano di implementare assennate politiche fiscali indipendentemente dalle condizioni cicliche – l’indicatore di riferimento è il cosiddetto deficit strutturale, cioè aggiustato per il ciclo. Ma il regolamento suggerisce che le sanzioni vengano applicate solo una volta che i paesi avranno riportato il deficit nominale sotto il 3 percento del PIL.

Le regole fiscali europee non sono cattive di per sé ma è importante che vengano implementate in maniera intelligente. Lo spazio c’è e va sfruttato. Non solo, questo va fatto in tempi brevissimi. Le condizioni economiche generali dell’euro zona sono tali da giustificare una più lenta opera di consolidamento fiscale in tutta Europa e non solo nei paesi in difficoltà. Tale clausola dovrà essere invocata il più presto possibile, ovvero prima che i governi europei presentino ai parlamenti nazionali la legge finanziaria per il 2013. La celerità nell’azione è importante perché contribuisce ad evitare che i governi europei rimangono vittime di un eccesso di disciplina fiscale che, per i suoi effetti sulla crescita economica, potrebbe risultare perfino controproducente. Inoltre, se la regola è estesa a tutti i paesi dell’area euro è improbabile che i mercati finanziari reagiscano punendo un paese piuttosto che un altro; anzi è prevedibile che si attenui la percezione generale del rischio in Europa, a tutto vantaggio dei governi che emettono debito.

Per gli anni a venire una simile decisione dovrebbe essere presa all’inizio dell’anno, possibilmente prima che i governi nazionali abbiamo presentato a Bruxelles il Programma di Stabilità di Aprile nel quale si impegnano ad illustrare le loro strategie fiscali di medio termine.

Nel contempo non c’è nessuna ragione per sottrarre i paesi attualmente sotto procedura alle nuove regole sulla sorveglianza. Se esiste una clausola che consente ai paesi dell’euro zona di rallentare il rientro da deficit eccessivo in un periodo di recessione, per quale ragione sottrarli anche alle sanzioni sul mancato rispetto dei target strutturali, quelli che non tengono conto del ciclo economico? Gli ultimi dati della Commissione mostrano come, nelle circostanze attuali, tali sanzioni scatterebbero per Malta e Slovacchia. E non per la Spagna, ad esempio.

Un’altra novità del pacchetto di dicembre 2011 è l’accresciuto ruolo della Commissione. Tuttavia il riconoscimento delle circostanze eccezionali è uno dei pochi passaggi rimasto appannaggio del Consiglio. La decisione è invece di natura tecnica, per nulla politica, e va portata interamente sotto il controllo della Commissione. Il Fiscal Compact destinato ad entrare in vigore quasi sicuramente nel 2013, dopo la recente approvazione anche da parte della Corte Costituzionale tedesca, potrebbe aiutare in questo senso visto che prevede un’estensione del potere di intervento della Commissione anche lì dove le regole del 2011 non lo avessero previsto.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint. Anyone is free to republish and/or quote this post without prior consent. Please provide a full reference, clearly stating Bruegel and the relevant author as the source, and include a prominent hyperlink to the original post.

Read article More by this author
 

Opinion

European governance

Can the EU fiscal rules jump on the green bandwagon?

By and large, setting a new green golden rule would be a useful addition to the existing EU fiscal framework.

By: Guntram B. Wolff Topic: European governance, Green economy, Macroeconomic policy Date: October 22, 2021
Read article
 

Blog Post

European governance

Germany’s post-pandemic current account surplus

The pandemic has increased the net lending position of the German corporate sector. By incentivising private investment, policymakers could trigger a virtuous cycle of increasing wages, decreasing corporate net lending, which would eventually lead to a reduction of the economy-wide current account surplus.

By: Lionel Guetta-Jeanrenaud and Guntram B. Wolff Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: October 21, 2021
Read about event
 

Past Event

Past Event

Monetary policy in the time of climate change

How does climate change influence monetary policy in the eurozone? What potential monetary policy measures should be taken up to address climate risks?

Speakers: Cornelia Holthausen, Jean Pisani-Ferry and Guntram B. Wolff Topic: Green economy, Macroeconomic policy Date: October 20, 2021
Read article More by this author
 

Podcast

Podcast

Rethinking fiscal policy

A look at the past, present and future of fiscal policy in the European Union with Chief economist of the European Stability Mechanism, Rolf Strauch.

By: The Sound of Economics Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: October 20, 2021
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Nov
4
14:00

European monetary policy: lessons from the past two decades

This event will feature the presentation of “Monetary Policy in Times of Crisis – A Tale of Two Decades of the European Central Bank."

Speakers: Grégory Claeys and Wolfgang Lemke Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read article
 

External Publication

European Parliament

Tailoring prudential policy to bank size: the application of proportionality in the US and euro area

In-depth analysis prepared for the European Parliament's Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON).

By: Alexander Lehmann and Nicolas Véron Topic: Banking and capital markets, European Parliament, Macroeconomic policy Date: October 14, 2021
Read article More by this author
 

External Publication

Global Economic Resilience: Building Forward Better

A roadmap for systemic economic reform calling for step-change in global economic governance to increase resilience and build forward better from economic shocks, prepared for the G7 Advisory Panel on Economic Resilience.

By: Thomas Wieser Topic: Global economy and trade, Macroeconomic policy Date: October 14, 2021
Read article More on this topic More by this author
 

Opinion

Letter: Declining investment may explain why rates are low

Perhaps an analysis of the causes of the declining investment rate would bring us closer to explaining why real interest rates are so low.

By: Marek Dabrowski Topic: Macroeconomic policy Date: October 1, 2021
Read article More by this author
 

Podcast

Podcast

A green fiscal pact

How can the European Union increase green public investment while consolidating budget deficits?

By: The Sound of Economics Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: September 29, 2021
Read article More on this topic More by this author
 

Blog Post

Monetary arithmetic and inflation risk

Between 2007 and 2020, the balance sheets of the European Central Bank, the Bank of Japan, and the Fed have all increased about sevenfold. But inflation stayed low throughout the 2010s. This was possible due to decreasing money velocity and the money multiplier. However, a continuation of asset purchasing programs by central banks involves the risk of higher inflation and fiscal dominance.

By: Marek Dabrowski Topic: Macroeconomic policy Date: September 28, 2021
Read article More on this topic More by this author
 

Opinion

The pandemic’s uncertain impact on productivity

The pandemic has certainly permanently affected our way of working. Whether this is for the better remains to be seen.

By: Maria Demertzis Topic: Macroeconomic policy Date: September 28, 2021
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

How to strike the right balance between the three pillars of the pension system?

In this event panelists will discuss the future of European pension schemes.

Speakers: Elsa Fornero, Svend E. Hougaard Jensen and Suvi-Anne Siimes Topic: Macroeconomic policy Date: September 23, 2021
Load more posts