Blog Post

UE, con le nuove regole possibile un anno in più per sanare i deficit

Sembra esserci un generale consenso sul fatto che l’austerità abbia effetti recessivi, almeno nel breve termine. Lo ho ammesso lo stesso Monti spiegando come la scelta in favore del consolidamento sia stata tanto necessaria quanto dolorosa. Una buona parte dei politici europei invoca le regole fiscali europee per spiegare la necessità del rigore di fronte […]

By: Date: September 21, 2012 Topic: European Macroeconomics & Governance

Sembra esserci un generale consenso sul fatto che l’austerità abbia effetti recessivi, almeno nel breve termine. Lo ho ammesso lo stesso Monti spiegando come la scelta in favore del consolidamento sia stata tanto necessaria quanto dolorosa.

Una buona parte dei politici europei invoca le regole fiscali europee per spiegare la necessità del rigore di fronte al proprio elettorato. L’Unione Europea ha per altro approvato un nuovo pacchetto legislativo che è in vigore dal dicembre 2011. Del rigore imposto dalle regole europee, specie quelle nuove, si parla molto; della loro flessibilità in circostanze eccezionali meno.

Il Patto di Stabilità è sempre stato esplicito sul fatto che la correzione di deficit eccessivi

dovesse avvenire in maniera più graduale in anni di recessione. Il richiamo alle cosiddette “circostanze eccezionali” può avvenire attraverso tre modalità principali. La Commissione e il Consiglio decidono di non aprire una procedura di deficit eccessivo. O aprono la procedura ma fissano un termine per la correzione del deficit relativamente lontano nel tempo. O, una volta che la procedura è già aperta, decidono di posticipare di un anno la correzione, cosa accaduta quest’estate per la Spagna.

Il nuovo pacchetto di regole approvato alla fine dello scorso anno è entrato in vigore in un momento poco opportuno perché la maggior parte dei paesi dell’euro zona era già sotto procedura ed obbligata a portare il deficit sotto il 3 percento del PIL entro il 2013.

Il momento in cui le nuove regole sono entrate in vigore è tale da determinare due non trascurabili conseguenze. Primo: c’è solo un modo per applicare la clausola delle “circostanze eccezionali”, quello di concedere un anno in più per la correzione del deficit. E le circostanze sono sicuramente eccezionali perché non solo molti paesi membri vedranno calare il PIL nel 2012 ma anche le condizioni generali dell’euro zona sono sfavorevoli.

Secondo: il nuovo pacchetto prevede che i paesi vengano sanzionati anche se mancano di implementare assennate politiche fiscali indipendentemente dalle condizioni cicliche – l’indicatore di riferimento è il cosiddetto deficit strutturale, cioè aggiustato per il ciclo. Ma il regolamento suggerisce che le sanzioni vengano applicate solo una volta che i paesi avranno riportato il deficit nominale sotto il 3 percento del PIL.

Le regole fiscali europee non sono cattive di per sé ma è importante che vengano implementate in maniera intelligente. Lo spazio c’è e va sfruttato. Non solo, questo va fatto in tempi brevissimi. Le condizioni economiche generali dell’euro zona sono tali da giustificare una più lenta opera di consolidamento fiscale in tutta Europa e non solo nei paesi in difficoltà. Tale clausola dovrà essere invocata il più presto possibile, ovvero prima che i governi europei presentino ai parlamenti nazionali la legge finanziaria per il 2013. La celerità nell’azione è importante perché contribuisce ad evitare che i governi europei rimangono vittime di un eccesso di disciplina fiscale che, per i suoi effetti sulla crescita economica, potrebbe risultare perfino controproducente. Inoltre, se la regola è estesa a tutti i paesi dell’area euro è improbabile che i mercati finanziari reagiscano punendo un paese piuttosto che un altro; anzi è prevedibile che si attenui la percezione generale del rischio in Europa, a tutto vantaggio dei governi che emettono debito.

Per gli anni a venire una simile decisione dovrebbe essere presa all’inizio dell’anno, possibilmente prima che i governi nazionali abbiamo presentato a Bruxelles il Programma di Stabilità di Aprile nel quale si impegnano ad illustrare le loro strategie fiscali di medio termine.

Nel contempo non c’è nessuna ragione per sottrarre i paesi attualmente sotto procedura alle nuove regole sulla sorveglianza. Se esiste una clausola che consente ai paesi dell’euro zona di rallentare il rientro da deficit eccessivo in un periodo di recessione, per quale ragione sottrarli anche alle sanzioni sul mancato rispetto dei target strutturali, quelli che non tengono conto del ciclo economico? Gli ultimi dati della Commissione mostrano come, nelle circostanze attuali, tali sanzioni scatterebbero per Malta e Slovacchia. E non per la Spagna, ad esempio.

Un’altra novità del pacchetto di dicembre 2011 è l’accresciuto ruolo della Commissione. Tuttavia il riconoscimento delle circostanze eccezionali è uno dei pochi passaggi rimasto appannaggio del Consiglio. La decisione è invece di natura tecnica, per nulla politica, e va portata interamente sotto il controllo della Commissione. Il Fiscal Compact destinato ad entrare in vigore quasi sicuramente nel 2013, dopo la recente approvazione anche da parte della Corte Costituzionale tedesca, potrebbe aiutare in questo senso visto che prevede un’estensione del potere di intervento della Commissione anche lì dove le regole del 2011 non lo avessero previsto.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint. Anyone is free to republish and/or quote this post without prior consent. Please provide a full reference, clearly stating Bruegel and the relevant author as the source, and include a prominent hyperlink to the original post.

Read article
 

Blog Post

Will European Union recovery spending be enough to fill digital investment gaps?

The recovery facility will boost digital transformation, but questions remain whether it will be sufficient to achieve Europe’s digital ambitions.

By: Zsolt Darvas, J. Scott Marcus and Alkiviadis Tzaras Topic: European Macroeconomics & Governance, Innovation & Competition Policy Date: July 20, 2021
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
1
12:30

The EU recovery fund - state of play and outlook

Bruegel Annual Meetings, Day 1- In this session we will discuss the EU recovery fund, its state of play and outlook.

Speakers: Nadia Calviño, Karolina Ekholm and Guntram B. Wolff Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
2
10:00

Conversation on the recovery programmes

Bruegel Annual Meetings, Day 2- In this session, we discuss the recovery programmes.

Speakers: Maria Demertzis, Mehreen Khan and Tadeusz Kościński Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read about event
 

Upcoming Event

Sep
2
13:00

European banks: under global competitive pressure?

Bruegel Annual Meetings, Day 2 - European banks have lost stature and remain generally low-profitability, low-valuation in comparison to their global peers. Is that a problem? If so, what can EU policymakers do to address it?

Speakers: José Antonio Álvarez Álvarez, Mairead McGuinness and Nicolas Véron Topic: European Macroeconomics & Governance, Finance & Financial Regulation Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
2
15:45

Blending physical and virtual: shaping the new workplace

Bruegel Annual Meetings, Day 2 - This panel will cover the changes the COVID-19 pandemic made to our workplaces, and what to expect in the near future.

Speakers: Nicholas Bloom, Michael Froman, Mario Mariniello, Sara Matthieu and Luca Visentini Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Academy Palace
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
3
09:00

The role of the EU's trade strategy for an inclusive and sustainable recovery

Bruegel Annual Meetings, Day 3 - We are delighted to welcome Valdis Dombrovskis, Executive Vice President of the European Commission for An Economy that Works for People to talk about Europe's trade strategy.

Speakers: Valdis Dombrovskis, Alicia García-Herrero and Guntram B. Wolff Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
3
10:15

Conference on the Future of Europe: envisioning EU citizens engagement

Bruegel Annual Meetings, Day 3 - Panellists will discuss different options and what they may entail while revisiting the debates on the future of Europe at national and EU-level that have been conducted thus far.

Speakers: Caroline de Gruyter, Kalypso Nicolaïdis, Niclas Poitiers and György Szapáry Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read article Download PDF
 

Policy Contribution

A new direction for the European Union’s half-hearted semiconductor strategy

The EU needs a more targeted strategy to increase its presence in this strategic and thriving sector, building on its existing strengths, while accommodating its relatively low domestic needs.

By: Niclas Poitiers and Pauline Weil Topic: European Macroeconomics & Governance, Innovation & Competition Policy Date: July 15, 2021
Read article More by this author
 

Blog Post

Fit for 55 marks Europe’s climate moment of truth

With Fit for 55, Europe is the global first mover in turning a long-term net-zero goal into real-world policies, marking the entry of climate policy into the daily life of all citizens and businesses.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate, European Macroeconomics & Governance Date: July 14, 2021
Read article More on this topic
 

Blog Post

Fair vaccine access is a goal Europe cannot afford to miss – July update

European countries must do more to tackle the vaccine uptake gap. Vaccination data should be published at the maximum granularity level so researchers and local decision-makers can monitor progress.

By: Lionel Guetta-Jeanrenaud and Mario Mariniello Topic: European Macroeconomics & Governance Date: July 14, 2021
Read article More by this author
 

Blog Post

SPACs in the gap

Special-purpose acquisition vehicles could fill a gap in European equity markets and lure risk-averse investors off the sidelines.

By: Rebecca Christie Topic: European Macroeconomics & Governance, Finance & Financial Regulation Date: July 13, 2021
Read article More on this topic
 

Blog Post

A breakdown of EU countries’ post-pandemic green spending plans

An analysis of European Union countries’ recovery plans shows widely differing green spending priorities.

By: Klaas Lenaerts and Simone Tagliapietra Topic: European Macroeconomics & Governance Date: July 8, 2021
Load more posts