Blog Post

UE, con le nuove regole possibile un anno in più per sanare i deficit

Sembra esserci un generale consenso sul fatto che l’austerità abbia effetti recessivi, almeno nel breve termine. Lo ho ammesso lo stesso Monti spiegando come la scelta in favore del consolidamento sia stata tanto necessaria quanto dolorosa. Una buona parte dei politici europei invoca le regole fiscali europee per spiegare la necessità del rigore di fronte […]

By: Date: September 21, 2012 Topic: Macroeconomic policy

Sembra esserci un generale consenso sul fatto che l’austerità abbia effetti recessivi, almeno nel breve termine. Lo ho ammesso lo stesso Monti spiegando come la scelta in favore del consolidamento sia stata tanto necessaria quanto dolorosa.

Una buona parte dei politici europei invoca le regole fiscali europee per spiegare la necessità del rigore di fronte al proprio elettorato. L’Unione Europea ha per altro approvato un nuovo pacchetto legislativo che è in vigore dal dicembre 2011. Del rigore imposto dalle regole europee, specie quelle nuove, si parla molto; della loro flessibilità in circostanze eccezionali meno.

Il Patto di Stabilità è sempre stato esplicito sul fatto che la correzione di deficit eccessivi

dovesse avvenire in maniera più graduale in anni di recessione. Il richiamo alle cosiddette “circostanze eccezionali” può avvenire attraverso tre modalità principali. La Commissione e il Consiglio decidono di non aprire una procedura di deficit eccessivo. O aprono la procedura ma fissano un termine per la correzione del deficit relativamente lontano nel tempo. O, una volta che la procedura è già aperta, decidono di posticipare di un anno la correzione, cosa accaduta quest’estate per la Spagna.

Il nuovo pacchetto di regole approvato alla fine dello scorso anno è entrato in vigore in un momento poco opportuno perché la maggior parte dei paesi dell’euro zona era già sotto procedura ed obbligata a portare il deficit sotto il 3 percento del PIL entro il 2013.

Il momento in cui le nuove regole sono entrate in vigore è tale da determinare due non trascurabili conseguenze. Primo: c’è solo un modo per applicare la clausola delle “circostanze eccezionali”, quello di concedere un anno in più per la correzione del deficit. E le circostanze sono sicuramente eccezionali perché non solo molti paesi membri vedranno calare il PIL nel 2012 ma anche le condizioni generali dell’euro zona sono sfavorevoli.

Secondo: il nuovo pacchetto prevede che i paesi vengano sanzionati anche se mancano di implementare assennate politiche fiscali indipendentemente dalle condizioni cicliche – l’indicatore di riferimento è il cosiddetto deficit strutturale, cioè aggiustato per il ciclo. Ma il regolamento suggerisce che le sanzioni vengano applicate solo una volta che i paesi avranno riportato il deficit nominale sotto il 3 percento del PIL.

Le regole fiscali europee non sono cattive di per sé ma è importante che vengano implementate in maniera intelligente. Lo spazio c’è e va sfruttato. Non solo, questo va fatto in tempi brevissimi. Le condizioni economiche generali dell’euro zona sono tali da giustificare una più lenta opera di consolidamento fiscale in tutta Europa e non solo nei paesi in difficoltà. Tale clausola dovrà essere invocata il più presto possibile, ovvero prima che i governi europei presentino ai parlamenti nazionali la legge finanziaria per il 2013. La celerità nell’azione è importante perché contribuisce ad evitare che i governi europei rimangono vittime di un eccesso di disciplina fiscale che, per i suoi effetti sulla crescita economica, potrebbe risultare perfino controproducente. Inoltre, se la regola è estesa a tutti i paesi dell’area euro è improbabile che i mercati finanziari reagiscano punendo un paese piuttosto che un altro; anzi è prevedibile che si attenui la percezione generale del rischio in Europa, a tutto vantaggio dei governi che emettono debito.

Per gli anni a venire una simile decisione dovrebbe essere presa all’inizio dell’anno, possibilmente prima che i governi nazionali abbiamo presentato a Bruxelles il Programma di Stabilità di Aprile nel quale si impegnano ad illustrare le loro strategie fiscali di medio termine.

Nel contempo non c’è nessuna ragione per sottrarre i paesi attualmente sotto procedura alle nuove regole sulla sorveglianza. Se esiste una clausola che consente ai paesi dell’euro zona di rallentare il rientro da deficit eccessivo in un periodo di recessione, per quale ragione sottrarli anche alle sanzioni sul mancato rispetto dei target strutturali, quelli che non tengono conto del ciclo economico? Gli ultimi dati della Commissione mostrano come, nelle circostanze attuali, tali sanzioni scatterebbero per Malta e Slovacchia. E non per la Spagna, ad esempio.

Un’altra novità del pacchetto di dicembre 2011 è l’accresciuto ruolo della Commissione. Tuttavia il riconoscimento delle circostanze eccezionali è uno dei pochi passaggi rimasto appannaggio del Consiglio. La decisione è invece di natura tecnica, per nulla politica, e va portata interamente sotto il controllo della Commissione. Il Fiscal Compact destinato ad entrare in vigore quasi sicuramente nel 2013, dopo la recente approvazione anche da parte della Corte Costituzionale tedesca, potrebbe aiutare in questo senso visto che prevede un’estensione del potere di intervento della Commissione anche lì dove le regole del 2011 non lo avessero previsto.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint. Anyone is free to republish and/or quote this post without prior consent. Please provide a full reference, clearly stating Bruegel and the relevant author as the source, and include a prominent hyperlink to the original post.

Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

May
25
14:30

How can we support and restructure firms hit by the COVID-19 crisis?

What are the vulnerabilities and risks in the enterprise sector and how prepared are countries to handle a large-scale restructuring of businesses?

Speakers: Ceyla Pazarbasioglu and Guntram B. Wolff Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

May - Jun
31-1
10:30

MICROPROD Final Event

Final conference of the MICROPROD project

Speakers: Carlo Altomonte, Eric Bartelsman, Marta Bisztray, Italo Colantone, Maria Demertzis, Wolfhard Kaus, Javier Miranda, Steffen Müller, Verena Plümpe, Niclas Poitiers, Andrea Roventini, Gianluca Santoni, Valerie Smeets, Nicola Viegi and Markus Zimmermann Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read about event
 

Past Event

Past Event

[Cancelled] Shifting taxes in order to achieve green goals

[This event is cancelled until further notice] How could shifting the tax burden from labour to pollution and resources help the EU reach its climate goals?

Speakers: Niclas Poitiers and Femke Groothuis Topic: Green economy, Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: May 12, 2022
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

How are crises changing central bank doctrines?

How is monetary policy evolving in the face of recent crises? With central banks taking on new roles, how accountable are they to democratic institutions?

Speakers: Maria Demertzis, Benoît Coeuré, Pervenche Berès, Hans-Helmut Kotz and Athanasios Orphanides Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: May 11, 2022
Read article Download PDF More by this author
 

Book/Special report

European governanceInclusive growth

Bruegel annual report 2021

The Bruegel annual report provides a broad overview of the organisation's work in the previous year.

By: Bruegel Topic: Banking and capital markets, Digital economy and innovation, European governance, Global economy and trade, Green economy, Inclusive growth, Macroeconomic policy Date: May 6, 2022
Read article Download PDF
 

Policy Contribution

European governance

Fiscal support and monetary vigilance: economic policy implications of the Russia-Ukraine war for the European Union

Policymakers must think coherently about the joint implications of their actions, from sanctions on Russia to subsidies and transfers to their own citizens, and avoid taking measures that contradict each other. This is what we try to do in this Policy Contribution, focusing on the macroeconomic aspects of relevance for Europe.

By: Olivier Blanchard and Jean Pisani-Ferry Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: April 29, 2022
Read article Download PDF More on this topic
 

Working Paper

The low productivity of European firms: how can policies enhance the allocation of resources?

A summary of the most important policy lessons from research undertaken in the MICROPROD project work package 4, related to the allocation of the factors of production, with a special focus on the weak dynamism of European small and medium-sized enterprises (SMEs).

By: Grégory Claeys, Marie Le Mouel and Giovanni Sgaravatti Topic: Macroeconomic policy Date: April 25, 2022
Read article More on this topic
 

External Publication

What drives implementation of the European Union’s policy recommendations to its member countries?

Article published in the Journal of Economic Policy Reform.

By: Konstantinos Efstathiou and Guntram B. Wolff Topic: Macroeconomic policy Date: April 13, 2022
Read article Download PDF More on this topic More by this author
 

Working Paper

Measuring the intangible economy to address policy challenges

The purpose of the first work package of the MICROPROD project was to improve the firm-level data infrastructure, expand the measurement of intangible assets and enable cross-country analyses of these productivity trends.

By: Marie Le Mouel Topic: Macroeconomic policy Date: April 11, 2022
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

Macroeconomic and financial stability in changing times: conversation with Andrew Bailey

Guntram Wolff will be joined in conversation by Andrew Bailey, Governor of the Bank of England.

Speakers: Andrew Bailey and Guntram B. Wolff Topic: Macroeconomic policy Date: March 28, 2022
Read article
 

Opinion

European governance

How to reconcile increased green public investment needs with fiscal consolidation

The EU’s ambitious emissions reduction targets will require a major increase in green investments. This column considers options for increasing public green investment when major consolidations are needed after the fiscal support provided during the pandemic. The authors make the case for a green golden rule allowing green investment to be funded by deficits that would not count in the fiscal rules. Concerns about ‘greenwashing’ could be addressed through a narrow definition of green investments and strong institutional scrutiny, while countries with debt sustainability concerns could initially rely only on NGEU for their green investment.

By: Zsolt Darvas and Guntram B. Wolff Topic: European governance, Green economy, Macroeconomic policy Date: March 8, 2022
Read article More on this topic More by this author
 

Opinion

The week inflation became entrenched

The events that have unfolded since 24 February have solved one dispute: inflation is no longer temporary.

By: Maria Demertzis Topic: Macroeconomic policy Date: March 8, 2022
Load more posts