Blog Post

Il nuovo fronte, gli squilibri dell’ euro

Una moneta europea forte rafforza i rischi deflazionistici in una regione che al massimo quest’ anno crescerà del 2% contro il 3% degli Usa Il 10 novembre si apre il G20 a Seoul in Corea. L’ agenda è fittissima ma si tornerà a parlare di squilibri mondiali e della «guerra delle monete». Se n’ era […]

By: Date: November 8, 2010 Topic: Macroeconomic policy

Una moneta europea forte rafforza i rischi deflazionistici in una regione che al massimo quest’ anno crescerà del 2% contro il 3% degli Usa Il 10 novembre si apre il G20 a Seoul in Corea. L’ agenda è fittissima ma si tornerà a parlare di squilibri mondiali e della «guerra delle monete». Se n’ era discusso già a fine ottobre quando i governi del G20 avevano scartato l’ ipotesi di imporre un limite quantitativo al saldo della bilancia commerciale di ogni singolo Paese e concordato un programma quadro di mera vigilanza.

Si presume che ora venga confermato lo stesso orientamento. D’ altra parte le recenti turbolenze sui mercati dei cambi giocano a favore della correzione di almeno alcuni degli squilibri esistenti. Il dollaro è andato rapidamente deprezzandosi da metà settembre; questa tendenza è destinata a perdurare data la recente decisione della Fed di mettere in atto una seconda ondata di quantitative easing.

L’ indebolimento della divisa statunitense sosterrà le esportazioni Usa, aiutando a chiudere la forbice tra importazioni ed esportazioni. Anche l’ apprezzamento dello yen, se perdura, dovrebbe porre fine all’ accumulazione di surplus commerciale. La Cina dal canto suo resta un’ incognita. Per ora il renminbi perde valore insieme al dollaro, a cui la valuta cinese è agganciata, ma prima o poi si rivaluterà con l’ effetto di ridimensionare il suo credito nei confronti dell’ esterno e degli Usa in particolare. L’ Europa è invece un capitolo a parte. L’ apprezzamento dell’ euro è stato significativo ma la bilancia nei confronti dei Paesi terzi, che registra un modestissimo deficit, non giustifica un così importante riallineamento sui mercati valutari. Un euro forte rafforza i rischi deflazionistici in una regione che al massimo crescerà quest’ anno del 2 per cento, rispetto al 3 per cento degli Usa. L’ apprezzamento dell’ euro ha invece importanti risvolti nella questione degli squilibri commerciali interni all’ Europa che sono un più serio grattacapo rispetto a quelli mondiali.

La recente crisi europea ha rivelato l’ esistenza di due fronti opposti: i paesi indebitati con l’ estero, tra cui in particolare Grecia, Spagna, Portogallo e Irlanda ed i paesi creditori (Germania, Olanda e Finlandia). I primi hanno vissuto alle spalle dei secondi, ovvero hanno preso a prestito capitali per finanziare il loro eccesso di consumo e di investimento a fronte di un risparmio nazionale relativamente modesto. La crisi ha dimostrato che lo scarso risparmio è un problema sia se a spendere è il governo sia se sono i cittadini privati, che abbagliati dal facile accesso al credito, hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità. Anche il debito privato è fonte di instabilità perché in una crisi economica e di credibilità i governi tendono ad intervenire trasformando il debito privato in debito pubblico, proprio com’ è accaduto in Spagna ed Irlanda. A poco servono regole stringenti di disciplina fiscale se le casse dello Stato si svuotano da un giorno all’ altro per andare in soccorso dei privati, siano essi le banche o i destinatari dei programmi di stimolo attivati per contrastare la crisi. È quindi giusto che il monitoraggio del debito privato e del suo impatto sulla posizione esterna di ogni stato membro dell’ euro zona sia considerata questione di prim’ ordine, come nella recente proposta di riforma della governance economica europea. Il tema è politicamente delicato perché, in assenza dello strumento del tasso di cambio, invece disponibile a livello globale, una qualsiasi correzione degli squilibri esistenti in Europa, più o meno importante, dovrà comportare un trasferimento di risorse da un paese ad un altro. I paesi in deficit tra cui Grecia, Spagna, Portogallo e Irlanda dovranno stringere la cinghia ed in parte hanno già iniziato a farlo varando ambiziosi programmi di consolidamento fiscale. I Paesi in surplus come la Germania dovrebbero tollerare un po’ di inflazione.

L’ apprezzamento dell’ euro è quindi una brutta notizia soprattutto per quei paesi oggi in deficit che commerciano anche con paesi terzi, come l’ Irlanda che esporta per il 40 percento fuori dall’ Unione Europea. Il ministro tedesco Wolfgang Schäuble ha recentemente dichiarato che l’ obiettivo dell’ Europa dovrebbe essere quello di accumulare un surplus nei confronti del resto del mondo piuttosto che insistere per una risoluzione degli squilibri interni all’ euro zona. Questo presuppone una valuta più debole e chiama in gioco la Bce. Una più sostenuta crescita economica in Europa trainata dall’ esterno renderebbe certamente la gestione degli squilibri interni meno conflittuale, ma la Bce ad oggi non sembra ancora pronta a caricarsi di una simile responsabilità.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint. Anyone is free to republish and/or quote this post without prior consent. Please provide a full reference, clearly stating Bruegel and the relevant author as the source, and include a prominent hyperlink to the original post.

Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

May
25
14:30

How can we support and restructure firms hit by the COVID-19 crisis?

What are the vulnerabilities and risks in the enterprise sector and how prepared are countries to handle a large-scale restructuring of businesses?

Speakers: Ceyla Pazarbasioglu and Guntram B. Wolff Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

May - Jun
31-1
10:30

MICROPROD Final Event

Improving understanding of productivity, its drivers and the way we measure it.

Speakers: Carlo Altomonte, Eric Bartelsman, Marta Bisztray, Italo Colantone, Maria Demertzis, Wolfhard Kaus, Javier Miranda, Steffen Müller, Verena Plümpe, Niclas Poitiers, Andrea Roventini, Gianluca Santoni, Valerie Smeets, Nicola Viegi and Markus Zimmermann Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read about event
 

Past Event

Past Event

[Cancelled] Shifting taxes in order to achieve green goals

[This event is cancelled until further notice] How could shifting the tax burden from labour to pollution and resources help the EU reach its climate goals?

Speakers: Niclas Poitiers and Femke Groothuis Topic: Green economy, Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: May 12, 2022
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

How are crises changing central bank doctrines?

How is monetary policy evolving in the face of recent crises? With central banks taking on new roles, how accountable are they to democratic institutions?

Speakers: Maria Demertzis, Benoît Coeuré, Pervenche Berès, Hans-Helmut Kotz and Athanasios Orphanides Topic: Macroeconomic policy Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: May 11, 2022
Read article Download PDF More by this author
 

Book/Special report

European governanceInclusive growth

Bruegel annual report 2021

The Bruegel annual report provides a broad overview of the organisation's work in the previous year.

By: Bruegel Topic: Banking and capital markets, Digital economy and innovation, European governance, Global economy and trade, Green economy, Inclusive growth, Macroeconomic policy Date: May 6, 2022
Read article Download PDF
 

Policy Contribution

European governance

Fiscal support and monetary vigilance: economic policy implications of the Russia-Ukraine war for the European Union

Policymakers must think coherently about the joint implications of their actions, from sanctions on Russia to subsidies and transfers to their own citizens, and avoid taking measures that contradict each other. This is what we try to do in this Policy Contribution, focusing on the macroeconomic aspects of relevance for Europe.

By: Olivier Blanchard and Jean Pisani-Ferry Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: April 29, 2022
Read article Download PDF More on this topic
 

Working Paper

The low productivity of European firms: how can policies enhance the allocation of resources?

A summary of the most important policy lessons from research undertaken in the MICROPROD project work package 4, related to the allocation of the factors of production, with a special focus on the weak dynamism of European small and medium-sized enterprises (SMEs).

By: Grégory Claeys, Marie Le Mouel and Giovanni Sgaravatti Topic: Macroeconomic policy Date: April 25, 2022
Read article More on this topic
 

External Publication

What drives implementation of the European Union’s policy recommendations to its member countries?

Article published in the Journal of Economic Policy Reform.

By: Konstantinos Efstathiou and Guntram B. Wolff Topic: Macroeconomic policy Date: April 13, 2022
Read article Download PDF More on this topic More by this author
 

Working Paper

Measuring the intangible economy to address policy challenges

The purpose of the first work package of the MICROPROD project was to improve the firm-level data infrastructure, expand the measurement of intangible assets and enable cross-country analyses of these productivity trends.

By: Marie Le Mouel Topic: Macroeconomic policy Date: April 11, 2022
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

Macroeconomic and financial stability in changing times: conversation with Andrew Bailey

Guntram Wolff will be joined in conversation by Andrew Bailey, Governor of the Bank of England.

Speakers: Andrew Bailey and Guntram B. Wolff Topic: Macroeconomic policy Date: March 28, 2022
Read article
 

Opinion

European governance

How to reconcile increased green public investment needs with fiscal consolidation

The EU’s ambitious emissions reduction targets will require a major increase in green investments. This column considers options for increasing public green investment when major consolidations are needed after the fiscal support provided during the pandemic. The authors make the case for a green golden rule allowing green investment to be funded by deficits that would not count in the fiscal rules. Concerns about ‘greenwashing’ could be addressed through a narrow definition of green investments and strong institutional scrutiny, while countries with debt sustainability concerns could initially rely only on NGEU for their green investment.

By: Zsolt Darvas and Guntram B. Wolff Topic: European governance, Green economy, Macroeconomic policy Date: March 8, 2022
Read article More on this topic More by this author
 

Opinion

The week inflation became entrenched

The events that have unfolded since 24 February have solved one dispute: inflation is no longer temporary.

By: Maria Demertzis Topic: Macroeconomic policy Date: March 8, 2022
Load more posts