Blog Post

Il nuovo fronte, gli squilibri dell’ euro

Una moneta europea forte rafforza i rischi deflazionistici in una regione che al massimo quest’ anno crescerà del 2% contro il 3% degli Usa Il 10 novembre si apre il G20 a Seoul in Corea. L’ agenda è fittissima ma si tornerà a parlare di squilibri mondiali e della «guerra delle monete». Se n’ era […]

By: Date: November 8, 2010 Topic: Macroeconomic policy

Una moneta europea forte rafforza i rischi deflazionistici in una regione che al massimo quest’ anno crescerà del 2% contro il 3% degli Usa Il 10 novembre si apre il G20 a Seoul in Corea. L’ agenda è fittissima ma si tornerà a parlare di squilibri mondiali e della «guerra delle monete». Se n’ era discusso già a fine ottobre quando i governi del G20 avevano scartato l’ ipotesi di imporre un limite quantitativo al saldo della bilancia commerciale di ogni singolo Paese e concordato un programma quadro di mera vigilanza.

Si presume che ora venga confermato lo stesso orientamento. D’ altra parte le recenti turbolenze sui mercati dei cambi giocano a favore della correzione di almeno alcuni degli squilibri esistenti. Il dollaro è andato rapidamente deprezzandosi da metà settembre; questa tendenza è destinata a perdurare data la recente decisione della Fed di mettere in atto una seconda ondata di quantitative easing.

L’ indebolimento della divisa statunitense sosterrà le esportazioni Usa, aiutando a chiudere la forbice tra importazioni ed esportazioni. Anche l’ apprezzamento dello yen, se perdura, dovrebbe porre fine all’ accumulazione di surplus commerciale. La Cina dal canto suo resta un’ incognita. Per ora il renminbi perde valore insieme al dollaro, a cui la valuta cinese è agganciata, ma prima o poi si rivaluterà con l’ effetto di ridimensionare il suo credito nei confronti dell’ esterno e degli Usa in particolare. L’ Europa è invece un capitolo a parte. L’ apprezzamento dell’ euro è stato significativo ma la bilancia nei confronti dei Paesi terzi, che registra un modestissimo deficit, non giustifica un così importante riallineamento sui mercati valutari. Un euro forte rafforza i rischi deflazionistici in una regione che al massimo crescerà quest’ anno del 2 per cento, rispetto al 3 per cento degli Usa. L’ apprezzamento dell’ euro ha invece importanti risvolti nella questione degli squilibri commerciali interni all’ Europa che sono un più serio grattacapo rispetto a quelli mondiali.

La recente crisi europea ha rivelato l’ esistenza di due fronti opposti: i paesi indebitati con l’ estero, tra cui in particolare Grecia, Spagna, Portogallo e Irlanda ed i paesi creditori (Germania, Olanda e Finlandia). I primi hanno vissuto alle spalle dei secondi, ovvero hanno preso a prestito capitali per finanziare il loro eccesso di consumo e di investimento a fronte di un risparmio nazionale relativamente modesto. La crisi ha dimostrato che lo scarso risparmio è un problema sia se a spendere è il governo sia se sono i cittadini privati, che abbagliati dal facile accesso al credito, hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità. Anche il debito privato è fonte di instabilità perché in una crisi economica e di credibilità i governi tendono ad intervenire trasformando il debito privato in debito pubblico, proprio com’ è accaduto in Spagna ed Irlanda. A poco servono regole stringenti di disciplina fiscale se le casse dello Stato si svuotano da un giorno all’ altro per andare in soccorso dei privati, siano essi le banche o i destinatari dei programmi di stimolo attivati per contrastare la crisi. È quindi giusto che il monitoraggio del debito privato e del suo impatto sulla posizione esterna di ogni stato membro dell’ euro zona sia considerata questione di prim’ ordine, come nella recente proposta di riforma della governance economica europea. Il tema è politicamente delicato perché, in assenza dello strumento del tasso di cambio, invece disponibile a livello globale, una qualsiasi correzione degli squilibri esistenti in Europa, più o meno importante, dovrà comportare un trasferimento di risorse da un paese ad un altro. I paesi in deficit tra cui Grecia, Spagna, Portogallo e Irlanda dovranno stringere la cinghia ed in parte hanno già iniziato a farlo varando ambiziosi programmi di consolidamento fiscale. I Paesi in surplus come la Germania dovrebbero tollerare un po’ di inflazione.

L’ apprezzamento dell’ euro è quindi una brutta notizia soprattutto per quei paesi oggi in deficit che commerciano anche con paesi terzi, come l’ Irlanda che esporta per il 40 percento fuori dall’ Unione Europea. Il ministro tedesco Wolfgang Schäuble ha recentemente dichiarato che l’ obiettivo dell’ Europa dovrebbe essere quello di accumulare un surplus nei confronti del resto del mondo piuttosto che insistere per una risoluzione degli squilibri interni all’ euro zona. Questo presuppone una valuta più debole e chiama in gioco la Bce. Una più sostenuta crescita economica in Europa trainata dall’ esterno renderebbe certamente la gestione degli squilibri interni meno conflittuale, ma la Bce ad oggi non sembra ancora pronta a caricarsi di una simile responsabilità.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint. Anyone is free to republish and/or quote this post without prior consent. Please provide a full reference, clearly stating Bruegel and the relevant author as the source, and include a prominent hyperlink to the original post.

Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

Fiscal policy and rules after the pandemic

What are the possibilities for shaping the new fiscal policy?

Speakers: Zsolt Darvas, Maria Demertzis, Michel Heijdra and Katja Lautar Topic: Macroeconomic policy Date: November 24, 2021
Read article
 

Blog Post

European governance

Including home-ownership costs in the inflation indicator is not just a technical issue

The European Central Bank is right to propose inclusion of owner-occupied housing services in the inflation indicator. But the ECB’s preferred method would involve an asset price in the consumer inflation indicator.

By: Zsolt Darvas and Catarina Martins Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: November 18, 2021
Read article More by this author
 

Blog Post

Fiscal arithmetic and risk of sovereign insolvency

The record-high debt levels in advanced economies increase the risk of sovereign insolvency. Governments should start fiscal consolidation soon in an environment of low nominal and real interest rates and post-COVID growth.

By: Marek Dabrowski Topic: Global economy and trade, Macroeconomic policy Date: November 18, 2021
Read article More by this author
 

Opinion

European governance

Growth and inflation after the pandemic in the EU

Countries hit comparatively hard during the financial crisis, helped also by domestic and European policies, are bouncing back from the pandemic faster than their peers.

By: Maria Demertzis Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: November 18, 2021
Read article Download PDF More by this author
 

Parliamentary Testimony

European governanceFrench Senate

European Union countries’ National Recovery and Resilience Plans: A cross-country comparison

Testimony before the Economic Affairs Committee of the French Senate.

By: Simone Tagliapietra Topic: European governance, French Senate, Macroeconomic policy Date: November 12, 2021
Read article Download PDF
 

Policy Contribution

European governance

Next Generation EU borrowing: a first assessment

The Next Generation EU programme is radically changing the way the EU finances itself and interacts with financial markets. This paper assesses the first design decisions made by the European Commission and the issuances that have taken place so far. It also outlines the potential risks and opportunities linked to this upgrading of the EU borrowing.

By: Rebecca Christie, Grégory Claeys and Pauline Weil Topic: Banking and capital markets, European governance, Macroeconomic policy Date: November 10, 2021
Read article Download PDF More by this author
 

Parliamentary Testimony

European governanceEuropean Parliament

The New Euro Area Inflation Indicator and Target: The Right Reset?

Testimony to the Monetary Dialogue Preparatory Meeting of the European Parliament's Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON).

By: Zsolt Darvas Topic: European governance, European Parliament, Macroeconomic policy Date: November 9, 2021
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

Phasing out COVID-19 emergency support programmes: effects on productivity and financial stability

How can European countries phase out the COVID-19 support measures without having a negative impact on productivity and financial stability?

Speakers: Eric Bartelsman, Maria Demertzis, Peter Grasmann and Laurie Mayers Topic: Macroeconomic policy Date: November 9, 2021
Read article
 

External Publication

European governanceEuropean Parliament

The new euro area inflation indicator and target: the right reset?

In-depth analysis on the European Central Bank's revised inflation target prepared for the European Parliament's Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON).

By: Zsolt Darvas and Catarina Martins Topic: European governance, European Parliament, Macroeconomic policy Date: November 4, 2021
Read about event More on this topic
 

Past Event

Past Event

European monetary policy: lessons from the past two decades

This event will feature the presentation of “Monetary Policy in Times of Crisis – A Tale of Two Decades of the European Central Bank."

Speakers: Petra Geraats, Wolfgang Lemke, Francesco Papadia and Massimo Rostagno Topic: Macroeconomic policy Date: November 4, 2021
Read article Download PDF
 

Policy Contribution

European governance

COVID-19 financial aid and productivity: has support been well spent?

While support schemes during the pandemic were not targeted at protecting ‘good’ firms, financial support mostly went to those with the capacity to survive and succeed. Labour schemes have been effective in protecting employment.

By: Carlo Altomonte, Maria Demertzis, Lionel Fontagné and Steffen Müller Topic: European governance, Macroeconomic policy Date: November 4, 2021
Read article Download PDF More on this topic
 

Working Paper

Does money growth tell us anything about inflation?

Attention should be paid to a possible sequence of negative events: if inflation would start to be volatile and money growth remains high, efforts to control inflation could be undermined.

By: Leonardo Cadamuro and Francesco Papadia Topic: Macroeconomic policy Date: November 4, 2021
Load more posts