Blog Post

Il nuovo fronte, gli squilibri dell’ euro

Una moneta europea forte rafforza i rischi deflazionistici in una regione che al massimo quest’ anno crescerà del 2% contro il 3% degli Usa Il 10 novembre si apre il G20 a Seoul in Corea. L’ agenda è fittissima ma si tornerà a parlare di squilibri mondiali e della «guerra delle monete». Se n’ era […]

By: Date: November 8, 2010 Topic: European Macroeconomics & Governance

Una moneta europea forte rafforza i rischi deflazionistici in una regione che al massimo quest’ anno crescerà del 2% contro il 3% degli Usa Il 10 novembre si apre il G20 a Seoul in Corea. L’ agenda è fittissima ma si tornerà a parlare di squilibri mondiali e della «guerra delle monete». Se n’ era discusso già a fine ottobre quando i governi del G20 avevano scartato l’ ipotesi di imporre un limite quantitativo al saldo della bilancia commerciale di ogni singolo Paese e concordato un programma quadro di mera vigilanza.

Si presume che ora venga confermato lo stesso orientamento. D’ altra parte le recenti turbolenze sui mercati dei cambi giocano a favore della correzione di almeno alcuni degli squilibri esistenti. Il dollaro è andato rapidamente deprezzandosi da metà settembre; questa tendenza è destinata a perdurare data la recente decisione della Fed di mettere in atto una seconda ondata di quantitative easing.

L’ indebolimento della divisa statunitense sosterrà le esportazioni Usa, aiutando a chiudere la forbice tra importazioni ed esportazioni. Anche l’ apprezzamento dello yen, se perdura, dovrebbe porre fine all’ accumulazione di surplus commerciale. La Cina dal canto suo resta un’ incognita. Per ora il renminbi perde valore insieme al dollaro, a cui la valuta cinese è agganciata, ma prima o poi si rivaluterà con l’ effetto di ridimensionare il suo credito nei confronti dell’ esterno e degli Usa in particolare. L’ Europa è invece un capitolo a parte. L’ apprezzamento dell’ euro è stato significativo ma la bilancia nei confronti dei Paesi terzi, che registra un modestissimo deficit, non giustifica un così importante riallineamento sui mercati valutari. Un euro forte rafforza i rischi deflazionistici in una regione che al massimo crescerà quest’ anno del 2 per cento, rispetto al 3 per cento degli Usa. L’ apprezzamento dell’ euro ha invece importanti risvolti nella questione degli squilibri commerciali interni all’ Europa che sono un più serio grattacapo rispetto a quelli mondiali.

La recente crisi europea ha rivelato l’ esistenza di due fronti opposti: i paesi indebitati con l’ estero, tra cui in particolare Grecia, Spagna, Portogallo e Irlanda ed i paesi creditori (Germania, Olanda e Finlandia). I primi hanno vissuto alle spalle dei secondi, ovvero hanno preso a prestito capitali per finanziare il loro eccesso di consumo e di investimento a fronte di un risparmio nazionale relativamente modesto. La crisi ha dimostrato che lo scarso risparmio è un problema sia se a spendere è il governo sia se sono i cittadini privati, che abbagliati dal facile accesso al credito, hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità. Anche il debito privato è fonte di instabilità perché in una crisi economica e di credibilità i governi tendono ad intervenire trasformando il debito privato in debito pubblico, proprio com’ è accaduto in Spagna ed Irlanda. A poco servono regole stringenti di disciplina fiscale se le casse dello Stato si svuotano da un giorno all’ altro per andare in soccorso dei privati, siano essi le banche o i destinatari dei programmi di stimolo attivati per contrastare la crisi. È quindi giusto che il monitoraggio del debito privato e del suo impatto sulla posizione esterna di ogni stato membro dell’ euro zona sia considerata questione di prim’ ordine, come nella recente proposta di riforma della governance economica europea. Il tema è politicamente delicato perché, in assenza dello strumento del tasso di cambio, invece disponibile a livello globale, una qualsiasi correzione degli squilibri esistenti in Europa, più o meno importante, dovrà comportare un trasferimento di risorse da un paese ad un altro. I paesi in deficit tra cui Grecia, Spagna, Portogallo e Irlanda dovranno stringere la cinghia ed in parte hanno già iniziato a farlo varando ambiziosi programmi di consolidamento fiscale. I Paesi in surplus come la Germania dovrebbero tollerare un po’ di inflazione.

L’ apprezzamento dell’ euro è quindi una brutta notizia soprattutto per quei paesi oggi in deficit che commerciano anche con paesi terzi, come l’ Irlanda che esporta per il 40 percento fuori dall’ Unione Europea. Il ministro tedesco Wolfgang Schäuble ha recentemente dichiarato che l’ obiettivo dell’ Europa dovrebbe essere quello di accumulare un surplus nei confronti del resto del mondo piuttosto che insistere per una risoluzione degli squilibri interni all’ euro zona. Questo presuppone una valuta più debole e chiama in gioco la Bce. Una più sostenuta crescita economica in Europa trainata dall’ esterno renderebbe certamente la gestione degli squilibri interni meno conflittuale, ma la Bce ad oggi non sembra ancora pronta a caricarsi di una simile responsabilità.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint. Anyone is free to republish and/or quote this post without prior consent. Please provide a full reference, clearly stating Bruegel and the relevant author as the source, and include a prominent hyperlink to the original post.

Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
1
12:30

The EU recovery fund - state of play and outlook

Bruegel Annual Meetings, Day 1- In this session we will discuss the EU recovery fund, its state of play and outlook.

Speakers: Nadia Calviño, Karolina Ekholm and Guntram B. Wolff Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
2
10:00

Conversation on the recovery programmes

Bruegel Annual Meetings, Day 2- In this session, we discuss the recovery programmes.

Speakers: Maria Demertzis, Henry Foy and Tadeusz Kościński Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read about event
 

Upcoming Event

Sep
2
13:00

European banks: under global competitive pressure?

Bruegel Annual Meetings, Day 2 - European banks have lost stature and remain generally low-profitability, low-valuation in comparison to their global peers. Is that a problem? If so, what can EU policymakers do to address it?

Speakers: José Antonio Álvarez Álvarez, Mairead McGuinness and Nicolas Véron Topic: European Macroeconomics & Governance, Finance & Financial Regulation Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
2
15:45

Blending physical and virtual: shaping the new workplace

Bruegel Annual Meetings, Day 2 - This panel will cover the changes the COVID-19 pandemic made to our workplaces, and what to expect in the near future.

Speakers: Nicholas Bloom, Michael Froman, Mario Mariniello, Sara Matthieu and Luca Visentini Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Academy Palace
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
3
10:15

Conference on the Future of Europe: envisioning EU citizens engagement

Bruegel Annual Meetings, Day 3 - Panellists will discuss different options and what they may entail while revisiting the debates on the future of Europe at national and EU-level that have been conducted thus far.

Speakers: Caroline de Gruyter, Kalypso Nicolaïdis, Niclas Poitiers and György Szapáry Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read about event More on this topic
 

Upcoming Event

Sep
3
09:00

The role of the EU's trade strategy for an inclusive and sustainable recovery

Bruegel Annual Meetings, Day 3 - We are delighted to welcome Valdis Dombrovskis, Executive Vice President of the European Commission for An Economy that Works for People to talk about Europe's trade strategy.

Speakers: Valdis Dombrovskis, Alicia García-Herrero and Guntram B. Wolff Topic: European Macroeconomics & Governance Location: Palais des Academies, Rue Ducale 1
Read article
 

Blog Post

Will European Union recovery spending be enough to fill digital investment gaps?

The recovery facility will boost digital transformation, but questions remain whether it will be sufficient to achieve Europe’s digital ambitions.

By: Zsolt Darvas, J. Scott Marcus and Alkiviadis Tzaras Topic: European Macroeconomics & Governance, Innovation & Competition Policy Date: July 20, 2021
Read article Download PDF
 

Policy Contribution

A new direction for the European Union’s half-hearted semiconductor strategy

The EU needs a more targeted strategy to increase its presence in this strategic and thriving sector, building on its existing strengths, while accommodating its relatively low domestic needs.

By: Niclas Poitiers and Pauline Weil Topic: European Macroeconomics & Governance, Innovation & Competition Policy Date: July 15, 2021
Read article More by this author
 

Blog Post

Fit for 55 marks Europe’s climate moment of truth

With Fit for 55, Europe is the global first mover in turning a long-term net-zero goal into real-world policies, marking the entry of climate policy into the daily life of all citizens and businesses.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate, European Macroeconomics & Governance Date: July 14, 2021
Read article More on this topic
 

Blog Post

Fair vaccine access is a goal Europe cannot afford to miss – July update

European countries must do more to tackle the vaccine uptake gap. Vaccination data should be published at the maximum granularity level so researchers and local decision-makers can monitor progress.

By: Lionel Guetta-Jeanrenaud and Mario Mariniello Topic: European Macroeconomics & Governance Date: July 14, 2021
Read article More by this author
 

Blog Post

SPACs in the gap

Special-purpose acquisition vehicles could fill a gap in European equity markets and lure risk-averse investors off the sidelines.

By: Rebecca Christie Topic: European Macroeconomics & Governance, Finance & Financial Regulation Date: July 13, 2021
Read article More on this topic
 

Blog Post

A breakdown of EU countries’ post-pandemic green spending plans

An analysis of European Union countries’ recovery plans shows widely differing green spending priorities.

By: Klaas Lenaerts and Simone Tagliapietra Topic: European Macroeconomics & Governance Date: July 8, 2021
Load more posts